logo

MUSICAL WEEKEND – SPETTACOLI E TOURNÈE ESTIVA

Spazio ai giovani del Musical Weekend! Dal 9 giugno 2015 fino a giovedi 11, presso ilTeatro Vittoria di Roma, vanno in scena gli spettacoli che concludono un anno di lavoro dei ragazzi del Musical Weekend di Francesca Cipriani.

blue-download-icon Scarica la Locandina.

Questi giovani artisti, dopo un anno di studio in cui si sono misurati con danza, canto, tip tap, coreografia musical e recitazione, sotto la guida di docenti esperti come Stefania Pacifico, Simone Leonardi, Cristian Ruiz, Stefano Bontempi, Gerardo Porcelluzzi, Antonio Torella, Maura Russo, Livia Bettinelli e Cinzia Alitto, sono pronti a regalare al pubblico tante e forti emozioni prima di partire per le tournee che li vedrà protagonisti per una settimana in alcuni dei villaggi più belli del Sud Italia.

Vi aspettiamo al teatro Vittoria con ben quattro spettacoli, mi raccomando non mancate!

9 giugno 2015 ore 18.00 – Teatro Vittoria – ROMA
LA SOFFITTA di MISS SPOTTYFIRE!”
Regia, testo e coreografie di Stefano Bontempi

Ambientata in una imprecisata metropoli nell’anno del Signore duemila15 , questo musical in 1 atto unico racconta di un gruppo di bimbi e di un rocambolesco viaggio tra passato e presente! Entrati furtivamente in possesso delle chiavi di una polverosa soffitta dove sono stati rinchiusi oggetti e ricordi appartenuti a Miss Meghan Spottyfire, vecchia gloria del Musical americano. Curiosando tra vinili, spartiti, costumi di scena , uno scrigno segreto e un vecchio baule, i ragazzi fanno rivivere i momenti più palpitanti della carriera della Spottyfire , in una girandola di emozioni , sempre sospesa tra ‘il tempo che fu ‘ ed il ‘ronzio’ energetico del loro presente ! Scritto , coreografato e diretto da Stefano Bontempi Gagliardi, questo musical è’ una scoppiettante ‘centrifuga’ di vecchi classici e attualissimi ‘tormentoni’ in chiave ‘pop’!

 9 giugno 2015 ore 21.00 – Teatro Vittoria – ROMA
Gli Addams”
Regia e coreografie di Stefania Pacifico

La Famiglia Addams è un musical ispirato all’eccentrica e gotica famiglia americana famosa in tutto il mondo per il brillante umorismo noir, per i travolgenti paradossi e la pungente e lugubre satira. La storia inizia nel cimitero di famiglia per la consueta riunione dei parenti vivi e degli avi, chiamati in soccorso dallo zio Fester, al quale toccherà risolvere una spinosa questione familiare. Mercoledì, ormai adulta, si è innamorata di un “normale” ragazzo dell’Ohio, Lucas, ma temendo il giudizio della madre Morticia, farà giurare al padre Gomez di non rivelare nulla alla moglie. Morticia che ama dire sempre la verità e ha l’illusione che nel matrimonio non esistano segreti si troverà a scoprire questa nuova realtà vissuta a suo tempo anche da lei ma come nelle più belle favole, “ “ l’amore trionfa alla fine “ parola di Gomez.

10 giugno 2015 ore 21.00 – Teatro Vittoria – ROMA
“BELLE”
Regia testo e coreografie di Stefania Pacifico

La storia di Belle Favola romantica ispirata al film d’animazione della Disney ” La Bella e la Bestia “, il cui successo nasce dalla perfetta alchimia delle musiche, con la magica melodia delle parole, delle coreografie spumeggianti e dei costumi. Il musical, ci farà rivivere la favola di Belle, una ragazza di provincia a cui piace leggere e sognare e della Bestia, che dietro le sembianze mostruose nasconde un giovane principe trasformato in una creatura deforme da un incantesimo, che lo ha punito per il suo egoismo. Solo se imparerà ad amare, ricambiata, la Bestia, tornerà principe, o in caso contrario, lui ed il suo castello saranno condannati per sempre. Il pubblico sarà magicamente coinvolto per tutto lo spettacolo, fino alle parole dell’ultima struggente canzone ” ti riporta via come la marea, la felicità ” e lo renderà partecipe di questa storia d’amore senza tempo.

11 giugno 2015 ore 21.15 – Teatro Vittoria – ROMA
“PETITS CLOCHARDS”
Regia, testo originale e liriche di Simone Leonardi, coreografie di Cristian Ruiz

Uno spregevole dittatore chiude tutti i teatri, le scuole d’arte e i luoghi di cultura e spettacolo e fa arrestare il personale artistico, sguinzagliando pattuglie anti-arte per scongiurarne la rinascita. Scampano a questa politica i figli dei prigionieri che si raccolgono in un misterioso edificio indicato dai genitori. Nell’attesa “beckettiana” di una risoluzione, i ragazzi tentano di mettere insieme le rispettive conoscenze per creare uno spettacolo tutto loro senza sapere esattamente da dove cominciare, poiché tutto quello che hanno sono i ricordi e gli insegnamenti dei propri genitori che non hanno fatto a tempo a completare la loro formazione. Finché un “adulto” penetra in questo luogo e rivela loro di essere un regista, riuscito a scappare dalle guardie del dittatore. Dopo aver messo al corrente la compagnia che quello in cui si trova è a tutti gli effetti l’unico teatro che non era stato chiuso poiché abbandonato già da tempo, “cuce” le idee e le inclinazioni dei ragazzi per dare vita a un nuovo spettacolo e segnare la rinascita dell’arte.


Questo sito utilizza cookie al fine di consentire la normale navigazione e fruizione del sito stesso e per tracciare informazioni statistiche in forma anonima e aggregata. La prosecuzione della normale navigazione comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie. E' possibile negare il consenso a qualunque cookie seguendo il link Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi